Articolo
10 gen

Obiettivi dell’UE 20-20-20….Obiettivo di tutti

Info_229_Image

Nel 2008 è stato raggiunto, in seno al Consiglio europeo, l'accordo sul Pacchetto Clima ed Energia che istituisce sei nuovi strumenti legislativi europei volti a tradurre in pratica gli obiettivi al 2020:
1.    Direttiva Fonti Energetiche Rinnovabili (Direttiva 2009/28/EC)
2.    Direttiva Emission Trading (Direttiva 2009/29/EC)
3.    Direttiva sulla qualità dei carburanti (Direttiva 2009/30/EC)
4.    Direttiva Carbon Capture and Storage - CCS (Direttiva 2009/31/EC)
5.    Decisione Effort Sharing (Decisione 2009/406/EC)
6.    Regolamento CO2 Auto (Regolamento 2009/443/EC)

La Direttiva Efficienza Energetica (Dir. 2012/27/EU), adottata dall’Unione Europea il 25 ottobre 2012, di fatto completa il quadro, a livello normativo, per l’attuazione pratica della terza parte del Pacchetto Clima-Energia.

L'accordo prevede, da parte dei paesi membri dell'Unione Europea, entro il 2020 di raggiungere tre ambiziosi obiettivi:
•    Riduzione dei gas ad effetto serra del 20% (o del 30% in caso di accordo internazionale);
•    riduzione dei consumi energetici del 20% aumentando l'efficienza energetica;
•    raggiungere la quota del 20% di fonti di energia alternative.


E’ questo in estrema sintesi il contenuto del cosiddetto “pacchetto clima-energia 20-20-20” varato dall’Unione Europea e valido dal gennaio 2013 fino al 2020 (contenuto nella Direttiva 2009/29/CE) e successivo al termine del Protocollo di Kyoto, il trattato realizzato per il contrasto al cambiamento climatico che ha trovato la sua naturale scadenza al termine del 2012.

L’obiettivo è ovviamente quello di contrastare i cambiamenti climatici e promuovere l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili tramite obiettivi vincolanti per i Paesi membri.

Per raggiungere tale obiettivo è fondamentale avviare, anche a livello locale, iniziative per promuovere comportamenti più consapevoli, di modo che tutti noi siano coinvolti in questo importante impegno.

Un’attenzione particolare dovrebbero averla soprattutto i giovani studenti, i quali, protagonisti della gestione del proprio territorio, costituiscono la futura popolazione del pianeta.
Questi se correttamente stimolatati, hanno la possibilità di impegnarsi, per ricercare le strategie più efficaci per raggiungere l’obiettivo dell’Unione Europea. Il loro compito sarà anche quello di diffondere, tra i propri coetanei, comportamenti virtuosi volti al risparmio energetico contribuendo alla diminuzione dei consumi su scala nazionale e contribuendo al famoso slogan 20-20-20.

In che modo contribuisci a diffondere la cultura del risparmio energetico e l’attenzione alle fonti di energia alternative?

Categorie: Energia , Scienza e Tecnologia ,

Tags: clima-energia 20-20-20 ,

Commenti (0)
Lascia un commento